Pittori e fotografi, open call per la “Settimana della Bellezza”

Leggi e scarica QUI il BANDO e la DOMANDA DI PARTECIPAZIONE

Quattro artisti locali avranno l’opportunità di esporre una propria opera – un dipinto o una fotografia – in occasione della mostra che il Polo culturale Le Clarisse di Fondazione Grosseto Cultura ospiterà durante la “Settimana della Bellezza” organizzata dalla Diocesi di Grosseto dal 30 ottobre al 9 gennaio. La mostra sarà dedicata a un’opera d’arte della collezione privata di Gianfranco Luzzetti, la “Madonna col bambino tra i Santi Pietro e Sebastiano”, attribuito alla bottega di Giovanni Bellini e replica del dipinto del Louvre. E per l’occasione, in un’altra sala del Polo culturale Le Clarisse, il percorso espositivo sarà arricchito da una sezione con quattro opere di altrettanti artisti locali che abbiano come tema “L’infinita Bellezza… oltre la siepe”, cioè lo stesso tema della “Settimana della Bellezza” 2021. Per questo il Polo culturale Le Clarisse e la Diocesi di Grosseto propongono una open call destinata a pittori o fotografi che abbiano la residenza o il domicilio in provincia di Grosseto e che vogliano proporre una loro opera per l’esposizione (dipinti o foto, anche non inediti, di dimensione minima 100×100 centimetri, già pronti per l’installazione). Il bando integrale con la domanda di partecipazione è pubblicato sul sito www.fondazionegrossetocultura.it: per presentare la propria candidatura c’è tempo fino a giovedì 30 settembre, inviandola a concorsocedavgmail.com e riportando nella mail un massimo di 3 link a siti web in cui sia possibile visionare opere, progetti, attività del candidato o recensioni. Oltre alla scansione della domanda di partecipazione compilata e firmata e a una copia di un documento d’identità, la mail dovrà contenere due fotografie (definizione minima 300 dpi): una che riproduca l’opera proposta, l’altra che raffiguri il retro con il sistema previsto per l’allestimento.

«Questo bando – commenta don Roberto Nelli, direttore dell’ufficio per la pastorale culturale della diocesi di Grosseto – ha un’importanza duplice. Da un lato, infatti, rafforza ulteriormente la già significativa collaborazione fra la Diocesi e le istituzioni culturali della Città di Grosseto, che fin dall’inizio hanno creduto nel valore della Settimana della Bellezza anche come veicolo e collante di un impegno corale alla crescita del territorio. Dall’altro perché chiama gli artisti grossetani a misurarsi con un tema estremamente stimolante ed attuale quale è quello dell’infinito… oltre le tante siepi della nostra esistenza personale e collettiva. Questo territorio esprime tanti talenti di pregio nell’ambito della pittura tanto quanto in quello della fotografia, che ci auguriamo desiderino rispondere a questa nostra sollecitazione».

«La Settimana della Bellezza 2020, nonostante la pandemia, è stata una straordinaria opportunità per tutti noi, anche grazie all’esposizione del Tondo di Botticelli – dichiarano il presidente di Fondazione Grosseto Cultura, Giovanni Tombari, e il direttore del Polo culturale Le Clarisse, Mauro Papa – e adesso ci prepariamo a rivivere un’esperienza simile con un’altra splendida opera proveniente dalla collezione privata di Gianfranco Luzzetti. Ma abbiamo voluto andare oltre, con l’obiettivo di coinvolgere ancor più la comunità locale, offrendo un’opportunità a quattro artisti del nostro territorio. Ci auguriamo che siano in molti a cogliere l’occasione».

A valutare le domande di partecipazione – in base all’esclusivo criterio della qualità artistica delle opere – sarà una commissione composta da Giovanni Gazzaneo (curatore delle mostre della Settimana della Bellezza), Mauro Papa (direttore del Polo culturale Le Clarisse), e Marcella Parisi (in rappresentanza della Diocesi di Grosseto): l’esito sarà comunicato agli artisti selezionati entro il 10 ottobre. Per ulteriori informazioni è possibile scrivere aconcorsocedav@gmail.com.

Check Also

Le tecniche fotografiche antiche di Mendola al Polo culturale Le Clarisse

Venerdì 22 ottobre è l’ultimo giorno di esposizione per la mostra “Auschwitz, viaggio nella memoria” …