La fotografia secondo Hanri Cartier Bresson

Se mai è esistito uno sguardo in grado di cambiare per sempre la maniera di osservare la realtà e di pensare la fotografia, è stato senza dubbio quello di Henri Cartier Bresson. Il fotografo francese, morto dieci anni fa, con la sua leica 1 ha costruito il nostro immaginario: in 96 anni di vita, l’occhio del secolo, come è stato soprannominato, ha documentato momenti storici straordinari insieme alla quotidianità più poetica. Giovedì 11 dicembre alle ore 18, nella sala delle conferenze del Museo di Storia Naturale della Maremma, Mauro Papa illustrerà le opere della bellissima retrospettiva allestita all’Ara Pacis di Roma e proveniente dal Centre Pompidou di Parigi. L’icontro può essere un’ottima preparazione per chi è intenzionato a visitare l’esposizione. Ingresso libero

Fondazione Grosseto Cultura ha in programma tre incontri culturali, per conoscere e approfondire famosi protagonisti dell’arte contemporanea. Prossimo appuntamento, a dicembre, dedicato alla fotografia di Henri Cartier-Bresson, in mostra a Roma. Contattaci per maggiori informazioni!

Check Also

Le tecniche fotografiche antiche di Mendola al Polo culturale Le Clarisse

Venerdì 22 ottobre è l’ultimo giorno di esposizione per la mostra “Auschwitz, viaggio nella memoria” …