elio ciol

In Clarisse i “Grappoli d’oro” di Elio Ciol

Giovedì 21 novembre, ore 17.30//Clarisse Arte//Grosseto

Un appuntamento da non perdere per tutti i grandi appassionati di fotografia e cinema. Giovedì 21 novembre, alle ore 17.30, il Polo culturale Le Clarisse di Fondazione Grosseto Cultura propone l’evento “Elio Ciol, tra fotografia e cinema” (ingresso libero). La mostra “Orizzonti di luce”, che vede esposte fino a domenica 24 novembre le istantanee del fotografo friulano Elio Ciol, sarà il contesto ideale per la proiezione del documentario “Grappoli d’oro”, girato dallo stesso artista originario di Casarsa della Delizia, Comune friulano in provincia di Pordenone. Si tratta di un vero e proprio documento storico e artistico che racconta la versatilità e la passione che Ciol ha coltivato lavorando anche con la macchina da presa. Fin dagli anni Cinquanta infatti, accanto alla sua professione di fotografo, Elio Ciol ha svolto con il Cineclub di Udine un’intensa attività di cineamatore girando tanti apprezzati documentari. “Grappoli d’oro” è proprio un cortometraggio di 12 minuti che Ciol ha realizzato nel 1957 in collaborazione con Riccardo Castellani e racconta della vendemmia e del processo di produzione del vino in Friuli. Il documentario non tradisce il tratto caratteristico della sua sensibilità estetica – quel chiaroscuro spesso onirico costituito dall’incontro-scontro fra luce e ombra – ed è stato premiato al concorso nazionale di Montecatini, organizzato dalla Federazione italiana dei cineclub. L’opera fa parte di un ciclo di documentari chiamato “Il paese dell’uva”, che descrive il ciclo “vitale” e territoriale dell’uva: dalla nascita della Sagra del vino di Casarsa della Delizia fino allo sviluppo della Cantina sociale. Le pellicole originali, girate a 16mm tra il 1950 e il 1963, sono state affidate dall’autore alla Cineteca del Friuli, che ne ha curato la digitalizzazione, e sono state reperite grazie al prezioso contributo della giovane regista Alice Coiro, che ha lavorato all’organizzazione dell’evento. Dopo la proiezione di “Grappoli d’oro” seguirà quella del cortometraggio “Pick a Pic” realizzato e interpretato dai ragazzi che hanno svolto l’alternanza scuola-lavoro alle Clarisse, contribuendo con la loro preparazione e simpatia alla buona riuscita della mostra. A seguire, intorno alle 18, è prevista una visita guidata alla mostra fotografica “Orizzonti di luce”, a cura di Mauro Papa, il direttore del Polo culturale Le Clarisse, e dalla stessa Alice Coiro. Al termine della visita guidata sarà offerta a tutti i partecipanti la degustazione di un calice di vino della Cantina Bruni. Per informazioni è possibile contattare il Polo culturale Le Clarisse al numero 0564 488069. La mostra “Orizzonti di luce” è stata allestita nell’ambito della “Settimana della bellezza”, l’evento culturale promosso dalla Diocesi di Grosseto e da Fondazione Crocevia, con la co-organizzazione del Comune di Grosseto e della Fondazione Polo universitario grossetano e con la collaborazione del quotidiano Avvenire e della rivista Luoghi dell’infinito. La mostra è curata da Giovanni Gazzaneo, presidente di Fondazione Crocevia e ideatore della rivista Luoghi dell’infinito. L’allestimento è stato progettato dagli architetti Edoardo Milesi e Viola Grassenis e dallo studio Archos (main sponsor Fondazione Bertarelli e Fondazione Giovanni Paolo II).

Check Also

IMG_5721

Hexagon Film Festival Reloaded

Martedì 10 dicembre//Cinema Stella//Grosseto I cortometraggi vincitori della prima edizione dell’Hexagon Film Festival, la rassegna …