BioBlitz 2022: i risultati preliminari

Due mesi dopo l’edizione 2022 del BioBlitz del Museo di storia naturale della Maremma, ecco i risultati. Per adesso quelli preliminari, entro fine anno quelli definitivi. Sono stati presentati a Gerfalco, nella sala del centro visite della Riserva naturale Cornate e Fosini, sede scelta per l’ultima edizione: a illustrarli sono stati Andrea Sforzi e Chiara Vitillo per il Museo di storia naturale della Maremma, e Alessandra Casini e Marco Porciani per il Parco geominerario delle Colline metallifere, ente sostenitore del BioBlitz 2022.

«Questo incontro – dichiara Andrea Sforzi, direttore del Museo di storia naturale – è stato richiesto dalla Pro Loco di Gerfalco, a dimostrazione della partecipazione a livello locale e del forte interesse sviluppato verso l’iniziativa. È molto bello e stimolante vedere che il lavoro dei mesi scorsi ha prodotto una risposta così partecipata da parte del territorio e ci spinge a organizzare con ancora maggior impegno i prossimi BioBlitz. La sala infatti era gremita di tante persone interessate, sia locali e sia partecipanti all’evento che si è tenuto a fine maggio. A questo proposito ringraziamo il Comune di Montieri, in particolare l’assessore Biagini, per il supporto logistico e organizzativo. Sono stati illustrati i principali risultati raggiunti e i primi numeri relativi alle specie fin qui identificate e ai risultati preliminari di una indagine sulla soddisfazione del pubblico. Entro fine anno verrà prodotto un report aggiornato sui risultati definitivi. Per il momento, ma i numeri sono destinati a salire, sono presenti nel database 915 osservazioni, relative a 493 specie animali e vegetali diverse. Le identificazioni, cioè il numero di interazioni da parte della comunità iNaturalist, il sito che utilizziamo per raccogliere i dati sul campo, sono state 1.246. Mancano ancora almeno un centinaio di specie. Attendiamo comunicazioni in merito da parte degli specialisti».

Il BioBlitz 2022 è stato organizzato sabato 28 e domenica 29 maggio, con ritrovo al Campo base del Centro visite della Riserva naturale: da lì – come previsto da una formula consolidata e vincente, interrotta solo dal biennio stravolto dal Covid – 24 ore di tempo per svolgere tante attività immersi nella natura, tutte all’insegna della Citizen science, per contribuire con le proprie segnalazioni alla conoscenza della biodiversità dell’area. E adesso i risultati raccolti da ognuno dei partecipanti sono pronti per diventare patrimonio comune.

Check Also

Il docufilm “Inferno in paradiso” di Caminada al Museo di storia naturale

Le conseguenze dell’inquinamento in una terra preziosa come il Salento. È il tema del docufilm …

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy